Salte a conteúdo principal

Hitachi

Social Innovation

Il vino buono sta nella botte piccola - l’ascesa dei nanobot

Mai sentito parlare dei nanobot? Ciò che a questi robot manca in altezza è compensato dal risultato! Dalla medicina all'aeronautica, scoprite in che modo stanno acquisendo sempre più peso.

Quando pensate ai robot, vi sentirete in imbarazzo per aver immaginato macchine enormi che lavorano nelle catene di montaggio delle fabbriche automobilistiche, o robot di dimensioni umane che vi aiutano in aeroporto.

Ma lo sapevate che i robot ora si stanno rimpicciolendo?

I nanobot vengono sviluppati per essere introdotti a lavorare in microambienti. Ciò significa che piccoli robot stanno diventando mezzi di grande aiuto in settori quali quello della medicina, nel quale possono lavorare all'interno del corpo umano o in ambienti difficili in cui gli esseri umani non possono facilmente operare, come i motori degli aeroplani in transito! Abbiamo esaminato questi robot al microscopio per capire come tali eccellenze possano essere racchiuse in strutture così piccole.

  • I ricercatori dello Swiss Intelligent Systems Lab hanno sviluppato piccoli attuatori robotici - la parte che consente a una macchina di muoversi - che può essere introdotta nel corpo umano ed eseguire persino un intervento chirurgico. Realizzati in gelatina, questi minuscoli robot sono commestibili e digeribili e, poiché sono pieni di aria o fluidi, possono muoversi all’interno del corpo. La collaborazione di questi attuatori a gelatina con altri componenti elettronici commestibili, come fotocamere ingeribili, potrebbe consentire a un robot completamente commestibile ad assistere alle operazioni chirurgiche dall'interno.
  • L’Harbin Institute of Technology ha creato nano-nuotatori in grado di muoversi agevolmente grazie ai loro corpi dorati delimitati da due braccia in nichel - quindi magnetiche - che simulano il movimento del nuoto consentendo loro di addentrarsi in fluidi viscosi. Questi mini-robot possono entrare sotto pelle - e persino nel sangue! Con 5 micrometri di lunghezza, questi nano-nuotatori sono più piccoli di un capello umano (lungo 75 micrometri)! Si spera quindi che questi micro-robot possano essere utilizzati nelle terapie, in quanto possono essere ricoperti da farmaci, ed essere eventualmente iniettati nel flusso sanguigno.
  • Gli scienziati hanno bisogno di una mano... anche se ha le dimensione di un milionesimo di millimetro. Un gruppo di scienziati dell'Università di Manchester ha creato un minuscolo nanorobot che può essere programmato e controllato per condurre esperimenti e perfino costruire molecole. Questi piccoli robot sono davvero da sogno ed è stato suggerito che potrebbero contribuire a scoprire nuovi farmaci nei vari campi scientifici e a ridurre la necessità di materiali e di attrezzature.
  • Inoltre, Hitachi sta facendo grandi progressi nel campo della microtecnologia e recentemente ha preso parte a un'iniziativa di ricerca globale per esaminare la diminuzione delle popolazioni delle api. La loro diminuzione è un aspetto alquanto negativo per noi in quanto la loro opera è essenziale per l'impollinazione e quindi per la nostra catena alimentare. La Global Initiative for Honeybee Health ha condotto una ricerca che ha visto l'incollaggio di etichette con tecnologia RFID di Hitachi Chemical al dorso delle api, allo scopo di monitorare i loro spostamenti e raccogliere dati sui problemi ambientali. Si spera che questa microtecnologia sia in grado di aiutare questi brillanti insetti.

Queste tecnologie riaffermano pienamente il vecchio detto secondo cui “il vino buono sta nella botte piccola” e il suo impatto sul mondo potrebbe essere colossale.